ACCORDO TRA LA COMMUNITY AIRBNB VALLE D’AOSTA E CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA VDA

dominidiato_pica

Dominidiato ‘L’accordo ci consente di essere partner di un sistema di prenotazione in continua espansione e quindi valorizzare le attività commerciali iscritte a Confcommercio VdA attive nelle zone delle strutture proposte dagli host AIRBNB’

Le aziende di Ascom-Confcommercio possono farsi promuovere dai proprietari di appartamenti (Host)di Airbnb che in Valle d’Aosta sono 1850 e affittano circa 2.300 appartamenti tramite il portale di Airbnb. Di più, nNel 2016 Airbnb ha permesso a oltre 43.000 persone di soggiornare in Valle d’Aosta generando oltre 162.000 presenze ed un  fatturato di circa 3.250.000 euro.

Un’opportunità che ha spinto il presidente di Confcommercio VdA, Graziano Dominidiato, a sottoscrivere una convenzione con la Community degli Host Valle d’Aosta. “L’intesa – spiega Claudio Pica, cofondatore della Community Airbnb Valle d’Aosta (nella foto a dx, con Dominidiato dopo la firma) – è nata da una serie di incontri nel corso dei quali sono state tracciate le linee guida per contribuire a dare nuovo impulso al comparto creando ulteriori opportunità di crescita per tutte le aziende che operano direttamente o indirettamente nel settore turistico”.

La convenzione consente agli iscritti alla Confcommercio Valle d’Aosta di offrire delle agevolazioni agli Ospiti (Guest) ed agli Host di Airbnb. Per farlo dovranno seguire una procedura e compilare un apposito formulario che verrà trasmesso loro a cura di Ascom Valle d’Aosta.

Airbnb è un portale online che mette in contatto persone in cerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi con persone che dispongono di uno spazio extra da affittare. L’Italia rappresenta per Airbnb, dopo U.S.A. e Francia, il terzo mercato mondiale in termini di fatturati Nella prima parte del 2017 gli arrivi e le presenze sono ulteriormente aumentate e vista la necessità di organizzarsi per migliorare ulteriormente il servizio offerto, Claudio Pica ed altri 2 Host hanno deciso di fondare recentemente la Community degli Host Valle d’Aosta.

“L’obiettivo – aggiunge Pica – è di interagire tra Host al fine di scambiarsi idee, opinioni, aiuti, stipulare convenzioni con conseguente miglioramento della qualità offerta turistica Valdostana”.

Il presidente Graziano Dominidiato commenta ancora: “Grazie a questo accordo è possibile dare molta visibilità alle attività commerciali collocate nelle zone limitrofe alle strutture proposte dagli host AIRBNB, sfruttando in futuro anche il sistema della geolocalizzazione e generare, così, un effetto volano sull’economia locale”.

Per il Presidente di Confcommercio VdA l’intesa con la Community degli Host Valle d’Aosta ha anche una seconda importante valenza: “Essere partner di un sistema di prenotazione che non può essere certamente ignorato in quanto in tutto il mondo il fenomeno Airbnb è in forte ascesa e già regolamentato da leggi nazionali, il tutto senza arrecare danno al settore turistico- alberghiero”.

L’importanza dell’impatto economico e dell’indotto generato dalla clientela Airbnb è evidenziato da uno studio elaborato dal Centro Ricerche di Airbnb dove si legge che ogni Guest nel 2016 ha speso per ogni suo soggiorno circa 171 € al giorno (incluso le spese di viaggio) e di questi il 41% è stato speso nella Regione ove ha soggiornato.

Per tutti coloro che vorranno aderire al Airbnb ed essere visibili nel portale , sul sito, a breve, sarà disponibile un form per la sottoscrizione della convenzione.

I commenti sono chiusi.