Formazione

corsoFORMAZIONE IGIENICO-SANITARIA (D.R. 4197/2004)

Il corso di formazione è obbligatorio per tutti gli operatori (titolari, coadiutori e dipendenti) impegnati nella preparazione, produzione, manipolazione e vendita di sostanze alimentari. L’Associazione organizza corsi di formazione igienico sanitaria e successivi rinnovi, calibrati per tipologia di attività svolta, al termine dei quali viene                                                 rilasciato il necessario attestato di frequenza.

imagesPRIMO SOCCORSO (D.M. 388/2003)

Il Decreto ministeriale ha stabilito le caratteristiche minime delle attrezzature di pronto soccorso, i requisiti del personale addetto e i criteri formativi in relazione alla natura dell’attività, al numero dei lavoratori occupati e ai fattori di rischio. L’Associazione organizza corsi completi e successvi rinnovi specificamente calibrati sulle necessità espresse dalle categorie rappresentate.

626SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs.81/08)

Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro riguardano le approvazioni di due accordi approvati nella seduta del 21 dicembre 2011 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome di Trento e Bolzano, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell’11/01/2012:

 La formazione e gli aggiornamenti ai sensi dell’art.37, comma 2, D.Lgs.81/08 per:

Lavoratori; Preposti; Dirigenti

 La formazione e gli aggiornamenti ai sensi dell’art. 34 e dell’All. II, D.Lgs. 81/08 per:

Datori di lavoro che svolgono il ruolo di RSPP

ART. 34- FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO PER IL RUOLO DI RSPP:

Il datore di lavoro che intende svolgere i compiti di responsabile del servizio di prevenzione e protezione , deve frequentare corsi di formazione, di durata minima di 16 ore( rischio basso) e massima di 48 ore (rischio alto), adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative.

I settori elencati di seguito rientrano nel RISCHIO BASSO (16 ore di formazione) .

Commercio ingrosso e dettaglio; Attività artigianali (carrozzerie, riparazioni veicoli, lavanderie, parrucchieri, pasticcieri); Alberghi; Ristoranti; Bar, Assicurazioni(immobiliari, studi legali, contabili, attività di segreteria ecc); Associazioni ricreative, culturali, sportive; Servizi domestici; Organizzazioni extraterritoriali.

NON SONO TENUTI A FREQUENTARE IL CORSO DI FORMAZIONE RSPP I DATORI DI LAVORO

 che dimostrino (con relativo attestato) di aver svolto una formazione con contenuti conformi all’art. 3 del DM. 16/01/97 (16 ore);

 che siano tra gli esonerati ai sensi dell’art. 95 del D.Lgs. 626/94(norma transitoria che fino al 31/12/96 evitava la formazione, compensata con documentazione e dichiarazioni).

 In possesso dei requisiti per svolgere i compiti del SPP (Servizio Prevenzione e Protezione) e che abbiano seguito i corsi previsti, purché ci sia corrispondenza tra il settore ateco.

PER LE NUOVE ATTIVITA’:

In caso di nuova attività il datore di lavoro che intenda svolgere i compiti di RSPP deve completare il percorso formativo entro e non oltre 90 giorni dalla data di inizio dell’attività

 AGGIORNAMENTO CORSO RSPP:

L’aggiornamento è quinquennale, da un minimo di 6 ore (rischio basso) a un massimo di 14 ore (rischio alto). L’obbligo di aggiornamento va preferibilmente distribuito nell’arco temporale di 5 anni.

L’ 11 gennaio 2012 è considerato l’anno di partenza per il conteggio del quinquennio

I datori di lavoro che hanno seguito il corso di RSPP prima dell’ 11 gennaio 2012, devono attuare l’aggiornamento entro 5 anni ovvero entro l’11 gennaio 2017. L’aggiornamento vale per l’intero quinquennio, indipendentemente da quando viene svolto: la scadenza rimane invariata, sia che l’aggiornamento sia stato frequentato nel 2013 o nel 2014 o nel 2015 o nel 2016.

I datori di lavoro che hanno seguito il corso di RSPP a partire dal 11 gennaio 2012, ogni 5 anni dovranno provvedere all’aggiornamento del corso.

Per gli esonerati l’aggiornamento dovrà essere attuato entro 24 mesi dall’ 11 gennaio 2012 (ovvero entro 11/01/2014).

Formazione

FORMAZIONE OBBLIGATORIA PREVENZIONE INCENDI NEI SETTORI DEL COMMERCIO-TURISMO-SERVIZI (D.M. 10.03.1998)

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro (G.U. 7 aprile 1998, n. 81, suppl. ord.).

ATTIVITA’ BASSO RISCHIO

4 ore completo

2 ore rinnovo ogni 3 anni

ATTIVITA’ MEDIO RISCHIO

8 ore completo

5 ore rinnovo ogni 3 anni

ATTIVITA’ ALTO RISCHIO

16 ore completo

8 ore rinnovo ogni 3 anni

BAR E RISTORANTI con cucina a induzione oppure senza fiamme libere BAR E RISTORANTI con cucina a fiamme libere (gasolio-gas ecc.)  
NEGOZI con superficie inferiore ai 400 mq NEGOZI con superficie superiore ai 400 mq di spazio espositivo più magazzino NEGOZI con superficie superiore ai 10.000 mq(Cidac-Carrefour)
PICCOLI ALBERGHI fino a 25 posti letto ALBERGHI con più di 25 posti letto ALBERGHI con oltre 200 posti letto
UFFICI   UFFICI con oltre 1000 dipendenti
  CAMPEGGI con una capienza superiore alle 400 persone  
  Discoteche con una capienza  superiore alle 100 persone o una superficie a 200 mq al chiuso  
  Depositi che  superano i 75 Kg di GPL (3 bombole del gas)  
  Tutte le categorie soggette al CPI (Certificato prevenzione incendi) disposto dal D.P.R. n 151/2011  

 

 

 

RINTRACCIABILITA’ DEGLI ALIMENTI (D.Lgs. 190/2006)-FACOLTATIVO

aostainforma_204_620x264In considerazione della complessità della materia e della severità dei controlli in atto, l’Associazione organizza periodicamente dei seminari specifici, della durata complessiva di 4 ore, per evitare agli operatori del settore di incorrere nelle pesanti sanzioni previste dal Decreto